Wednesday, February 13, 2019

"Unlearn to be yourself! - Disimpara per essere te stesso!"

per italiano scorri in basso

Unlearn to be yourself!
What if you unlearn your toxic communication habits?

The basis, or the ground on which you build your life, is the quality of communication that you have with yourself and others. The way you understand your communication pattern is by asking yourself the following questions:
In your intimate communication, how do you behave with yourself? Are you caring (respectful), honest, lucid and encouraging? Or do you judge, do you lower yourself and always see what needs to be done better?
In your communication with others (people other than your own self), how do you position yourself? When you are talking with others- is your agenda to be right, or to truly listen? Do you impose your vision on others, or are you open to others’ visions?

Conflicts arise when we don’t understand where the other person is coming from. You don’t understand, and they don’t either. Where does that leave your conversation? In a stagnant, unproductive place.
It is also possible, that you might listen (without the goal of ‘winning’ the argument), and find something of substance in what they are conveying to you. This will make you better in whatever subject that is the topic of discussion.
And then, when you show that you genuinely are interested to know the other person’s point of view, the person with whom you communicate might ponder as well over your views. In the end, joining the most enticing aspects of both your points of views, you have an engaging  and genuine discussion.

Similarly, in conflicts that are internal, do we truly accept and consider all the opinions we might have? In two paths that are in front of us, do we acknowledge and understand both paths? If we do, that will lead us to take the path that is best for us at that moment.

These are some of the things we can create by truly listening and communicating effectively:
- More fun to communicate
- Less conflicts
- Rewarding discussions
- Elimination of conflicts
- Problem solving
- Easier speaking in public
- Ease in professional and personal relationships
And so much more!
Discover the workshops of Kass Thomas, coach in communication, "7 Steps to Flawless Communication" and "Dancing with Riches".





Disimpara per essere te stesso!
Come sarebbe rinunciare alle tue solite modalità comunicative nocive?

La base o il fondamento su cui costruisci la tua vita, è la qualità della comunicazione che hai con te stesso e gli altri. Per comprendere il tuo modello di comunicazione puoi farti le seguenti domande:
Nella tua comunicazione interiore, come ti comporti con te stesso? Sei premuroso (rispettoso), onesto, lucido e incoraggiante? O giudichi, ti sminuisci e vedi sempre cosa bisogna fare meglio?
Nella tua comunicazione con gli altri (persone diverse da te), come ti posizioni? Quando parli con gli altri, il tuo modo è essere dalla parte della ragione, o ascoltare veramente? Imponi la tua visione sugli altri o sei aperto alla visione altrui?

I conflitti sorgono quando non comprendiamo da dove viene l'altra persona. Non capisci, e neanche loro. Dove ti lascia la tua conversazione? In un posto stagnante e improduttivo.
È anche possibile che tu possa ascoltare (senza l'obiettivo di "vincere" l'argomento) e trovare qualcosa di sostanziale in ciò che ti stanno comunicando. Questo ti renderà migliore in qualsiasi argomento che sia oggetto di discussione.
It is also possible, that you might listen (without the goal of ‘winning’ the argument), and find something of substance in what they are conveying to you. This will make you better in whatever subject that is the topic of discussion.
E poi, quando mostri che sei sinceramente interessato a conoscere il punto di vista dell'altra persona, la persona con cui comunichi potrebbe riflettere anche sulle tue opinioni. Alla fine, unendo gli aspetti più invitanti di entrambi i tuoi punti di vista, hai una discussione coinvolgente e genuina.

Allo stesso modo, nei conflitti interni, accettiamo e consideriamo veramente tutte le opinioni che potremmo avere? Nelle due strade che abbiamo di fronte, riconosciamo e comprendiamo entrambi i percorsi? Se lo facciamo, questo ci porterà a prendere la strada migliore per noi in quel momento.

Queste sono alcune delle cose che possiamo creare ascoltando davvero e comunicando in modo efficace:
- Più divertimento nel  comunicare
- Meno conflitti
- Discussioni gratificanti
- Eliminazione dei conflitti
- Problem solving
  • Più facilità nel parlare in pubblico
  • Facilità nelle relazioni professionali e personali
  • E molto di più!


Scopri i workshop di Kass Thomas, coach in comunicazione, "7 passi per una comunicazione efficace" e “Danzando con le ricchezze".

Monday, February 4, 2019

"What is the easiest way to get back to you - when you lose yourself? - Qual è il modo più facile per tornare a te - quando perdi te stesso?"

per ITALIANO scorri più in basso

What is the easiest way to get back to you - when you lose yourself?

There are always moments - which could last seconds, hours, days, weeks - where we suddenly realize: this is not me. When we enter a space where we are aware that something is wrong, something that makes you react in a way that is different from how you want to behave, there is a process we undergo, consciously or subconsciously, that lets us get back to our true selves.

We need to be aware of how we get back to who we truly are in order to understand ourselves better. What makes us refocus, recentre and return to our mind, body and being?

  1. Identification: Am I not being myself? What is the situation I am in- is it causing me stress?

  1. Accountability: What are the emotions that are blocking me from being myself? What are the actions that have made me realize this?Are these actions the result of these undesirable emotions?

  1. Choosing the Right Path: How do I get back to me? What are the activities and actions that will allow me find my path back to who I really am?

In order to run through my experience with this, here is my journey on how I get back to myself.

  1. Identification: It is easy for me to recognize when I am not being myself. How, you ask?
    To know when you are away from you, you need to first be completely aware of yourself as a person. What is your most recurring emotion? How do you react in a pressurised situation? How do you react in a favourable situation? Once you have answered questions like these, it will be easy to identify when you are not being your true self.
    At times when I feel unnecessarily cranky, nervous, irritable or I simply take myself too seriously, I realize- this is not me. This is not how I choose to react, and so I will change this.

  1. Accountability: We all have a certain set of emotions that we revolve around- for me, it is happy, free-flowing, laughter (humour) and energy. As soon as you identify emotions that you don’t normally feel, you have a feeling that something is wrong. Emotions give way to undesirable actions, and sometimes you might even shock yourself that you are behaving a certain way. Backtrack, and identify the actions, and find out the source of the actions- which are emotions. If I find myself angry, irritable, befuddled or discombobulated, I immediately STOP, and I ask myself- What is wrong? Why am I behaving this way? How do I get back to me, and what will make me calm down enough to enter my own space again?

  1. Choosing the Right Path: We all have different ways to refocus, recentre and return to ourselves. The place we want to reach is a completely calm, focussed and relaxed space. How we get there, is up to us.
What calms you down? What are the actions that make you feel close to yourself?
It could be reading, singing, dancing or even taking a nap!

Something that helps me feel close to myself is merely stopping to observe the simplicity and ease of my surroundings. I could connect with a tree, the sea, the sky or even an animal.
Then, if I connect with a tree, I might focus on its leaves, the softness with which they move with the breeze, or the flower beside it, so effortless in its simplicity, yet so wholesome with the complexity of its functions and structure. 

I might watch a cat, gracefully striding and suddenly stopping, watching with its sharp eyes, taking in its surrounding and truly registering it. I connect with the cat, and for a moment, take in the surroundings through its eyes, through its focus and objectivity.

Find your rhythm, find your path. Remember to always get back to you, because you are the best space for yourself.



***



Qual è il modo più facile per tornare a te - quando perdi te stesso?

Ci sono sempre momenti - che potrebbero durare secondi, ore, giorni, settimane - dove all'improvviso realizziamo: questa non sono io. Quando entriamo in uno spazio in cui siamo consapevoli che qualcosa è sbagliato, qualcosa che ti fa reagire in un modo diverso da come tu vuoi comportarti, c'è un processo che subiamo, consciamente o inconsciamente, che ci permette di tornare al nostro vero sé.

Abbiamo bisogno di essere consapevoli di come tornare a chi siamo veramente per capire meglio noi stessi. Che cosa ci fa focalizzare di nuovo, ri-centrare e tornare alla nostra mente, al corpo e all’Essere?


  1. Identificazione: Non sono me stesso? Qual è la situazione in cui sono che mi sta causando stress?

  1. Responsabilità: quali sono le emozioni che mi impediscono di essere me stesso? Quali sono le azioni che mi hanno fatto realizzare ciò? Queste azioni sono il risultato di queste emozioni indesiderabili?

  1. Scegliere la strada giusta: Come posso tornare da me? Quali sono le attività e le azioni che mi permetteranno di ritrovare il mio percorso verso chi sono veramente?

Per riportare la mia esperienza, ecco il modo in cui io torno a me stessa.


  1. Identificazione: è facile per me riconoscere quando non sono me stesso. “Come?” ti chiederai. 
Per sapere quando sei lontano da te, devi prima essere completamente consapevole di te stesso come persona. Qual è la tua emozione più ricorrente? Come reagisci quando sei sotto pressione? Come reagisci in una situazione favorevole? Una volta che avrai risposto a queste domande, sarà facile capire quando non sei il tuo vero sé. 
A volte, quando mi sento scontrosa, nervosa, irritabile senza motivo o semplicemente mi prendo troppo sul serio, mi rendo conto: questa non sono io. Questo non è il modo in cui scelgo di reagire, e quindi lo cambio.

  1. Responsabilità: Tutti noi abbiamo un certo tipo di emozioni che ci girano intorno - per me sono felicità, fluire liberamente, risate (umorismo) ed energia. Non appena identifichi emozioni che non senti normalmente, hai la sensazione che qualcosa non va. Le emozioni lasciano il posto a azioni indesiderabili, e a volte potresti perfino essere scioccato dal comportarti in un certo modo. Torna indietro,  identifica le azioni, e scopri la fonte delle azioni - che sono emozioni. Se mi scopro arrabbiata, irritabile, confusa o scombussolata, mi fermo immediatamente e mi chiedo: cosa c'è che non va? Perché mi sto comportando in questo modo? Come posso tornare da me e cosa mi farà calmare abbastanza da tornare di nuovo nel mio spazio?

  1. Scegli la strada giusta: tutti noi abbiamo modi diversi di rifocalizzarci, ri-centrarci e tornare a noi stessi. Il luogo che vogliamo raggiungere è uno spazio completamente calmo, focalizzato e rilassato. Come arrivarci sta a noi. Cosa ti calma? Quali sono le azioni che ti fanno sentire vicino a te stesso? Potrebbe essere leggere, cantare, ballare o anche fare un riposino!

Qualcosa che mi aiuta a sentirmi vicino a me è semplicemente fermarmi ad osservare la semplicità e la facilità di ciò che mi circonda. Potrei connettermi con un albero, il mare, il cielo o persino un animale.
Quindi, se mi collego con un albero, potrei concentrarmi sulle sue foglie, sulla delicatezza con cui si muovono con la brezza, o sul fiore lì accanto, così spontaneo nella sua semplicità, eppure così integrato con la complessità delle sue funzioni e la sua struttura.

Potrei guardare un gatto, che cammina aggraziato e poi si ferma all'improvviso, guardando con i suoi occhi acuti, osservando l’ambiente e recependolo davvero. Mi collego con il gatto e, per un momento, vedo l'ambiente attraverso i suoi occhi, attraverso la sua messa a fuoco e obiettività.


Trova il tuo ritmo, trova il tuo percorso. Ricordati di tornare sempre da te, perché sei lo spazio migliore per te stesso.


Wednesday, January 30, 2019

"About Kass - A proposito di Kass"

I would like to mention here a testimony that I was pleased to receive



"I meet first time Kass Thomas in summer 2017.  I was at my second Bars class, with an international Facilitator, and after this class there was a presentation.

I was immediately taken by this little book (7 Steps to flawless communication) about communication, so simply and unpretentious, but so strong. I had just bought it when the author came in person!
I never had seen her before - only online - and I immediately noticed her simply elegance and her great presence.

So, I had this book in my hands, and I asked her for a dedication…

Thank you for simply but powerful company in this trip."


Carla P.



The dedication:
Thank for buying this book, 
it’s little, simply, but not stupid.
I hope it can go with you 
in this beautiful journey 
towards greater awareness

With love,
Kass





Mi piacerebbe riportare una testimonianza che mi ha fatto piacere ricevere



"Ho incontrato Kass per la prima volta nell'estate del 2017. Ero alla mia seconda classe Bars con un facilitatore internazionale, e dopo la classe c'era una presentazione.

Ero stata attratta immediatamente da quel piccolo libro (7passi per una comunicazione vincente - ndr) sulla comunicazione, così piccolo e senza pretese, ma così potente.
E appena l'ho preso è arrivata l'autrice in persona!
Non l'avevo mai vista prima - solamente online - e ho notato subito la sua eleganza semplice e la grande presenza.

Così, avevo in mano questo libro, e le ho chiesto una dedica...

Grazie per la preziosa compagnia in questo viaggio."


Carla P.


La dedica:
Grazie per aver comprato questo libro, 
è piccolo, è facile, ma non stupido.
Spero che ti possa accompagnare 
nel viaggio bello verso una 
consapevolezza maggiore

Con amore,
Kass



Tuesday, January 22, 2019

"How To Recover Yourself From an Undesirable Situation - Come Riacquistare Te stesso in una Situazione Indesiderabile"

***** ENGLISH *****

How To Recover Yourself From an Undesirable Situation

Has an incident ever thrown you off your game completely?


Have you ever noticed how an incident or a conversation can throw you off track, scramble your head or make you feel discombobulated?

We experience reaction formation post this incident, and the feeling of confusion and panic is created. When we project our feelings into our reaction, we tend to create even more havoc.
This usually results in us entering or creating a situation that doesn’t reflect who we are, or what we desire out of this situation, and we move away from ourselves. 
In simple terms:

Undesired Incident→ Discombobulated Feelings/Mind→ Unproductive Reaction→ Harmful Situation


Let’s look at an example.

Not very long ago, I went through a similar situation. Here is a breakdown of events:


Undesired Incident/Problem→ 
I had to change planes twice before reaching my destination in Canada. I had to travel from Rome to Amsterdam,  Amsterdam to Toronto and then Toronto to Edmonton.
Upon reaching Toronto, I was told my bags were stuck in Amsterdam and would be delivered two days later to Edmonton.


Discombobulated Feelings/Mind→  Unproductive Reaction
I cried.
It was a beyonds moment- a moment where I felt beyond any control. It felt like there was a part of me crying, and there was another part of me that was shocked at my reaction, but still, completely out of control.
I proceeded to customs with no suitcases, and I was whining at the customs official like a child. I could still understand that what I was doing was ridiculous, but could not snap back into reasonable behaviour.

This undesirable reaction led to another undesirable reaction.
I decided I needed a smoke to calm down. I usually roll my own cigarettes, organic tobacco, which is often mistaken for marijuana in America.
As I was rolling my cigarette, crying, shivering and upset, I happened to notice a gentleman rolling weed just next to me and panicked again.

Now, pause. Let’s analyze this.
If I was my usual, calm self, not recently put off by my bags getting delayed, I would have calmly moved away, or remembered that marijuana is actually legal in Canada.Instead, I panicked and created even more confusion and havoc in my head, which would in no way be beneficial to my situation.

My mind jumped to the worst case scenario:  “Oh great, now I’m going to get arrested with no bags or anything!”


Harmful Situation→ 
Now, let's understand, there was not one, but two undesirable situations (one created by the other) that had thrown my off my game, and I was just not myself.

In this state of mind, I went inside and checked the screen for Edmonton. The gate was much further than I had thought previously, and they kept announcing, “Last call! Last call!”, which added further to my frenzy. As I arrived, all sweaty from rushing-

The attendance checks my ticket and declares, “This isn’t your flight.”
“What?! Not my flight?!” I exclaim.
So I checked my ticket again properly and sure enough, I was on a different flight. Same destination. Same time. Different airlines. Here was my ‘harmful’ situation.
I thought, there was no way I could get on that particular flight, and there were no other flights for my destination. In my head, I’m panicking, repeating- Oops. Oh NO! NOW WHAT?!


Solution→ 
After I repeated these words, I was just about to go into reaction formation AGAIN. This is when I laughed. This is when I realized, it is not me thinking this way. Two negative doom and gloom thoughts in a row (and another incoming) is a dead giveaway: This is not me.

I realized that instead of getting further and further away from me with each accumulating event, I needed to connect with myself again.

I literally said out loud: “Hold it! This is not me. This is not in line with who I am and what I desire. I’m going to change this now. Universe, please show me the magic?”
Ah! Finally, a space started opening up. I could even see clearer, and saw the monitors. I now realize, my flight gate was at the very location I was at when I started panicking to catch the wrong flight. 

This made me laugh again.The Universe had been on my side this whole time, but I was so wrapped up in my bag loss and the marijuana scare, disconnected from me, that I was not even able to see the helping hand that was right in front of me

I ran all around the chicken house barn looking for what was right in front of me all along. Has that ever happened to you?

I knew at that point that I would make it. Even if I had to transmigrate, engage the elementals. I had reconnected with me and from that space anything was possible. I couldn’t  go wrong.

So whether it is meditation or deep breathing, laughter, a walk in nature or a poc and pod, do whatever it takes, whatever works for you.
But make sure you are connected with you, before you begin interacting with others and creating reactions.
It will save you lots of strife and heartache and open up infinite possibilities. 



***** ITALIANO *****

Come Riacquistare Te stesso in una Situazione Indesiderabile

Ti è mai capitato un contrattempo che ti ha messo completamente fuori gioco?


Hai mai notato come un contrattempo o una discussione possono mandarti fuori strada, fuori di testa o farti sentire scombussolato?

Sperimentiamo il formarsi di questa reazione dopo un contrattempo e si crea una sensazione di confusione e panico. Quando poi proiettiamo i nostri sentimenti in questa reazione, tendiamo a creare un disastro ancora più grande.
Di solito ciò comporta che noi entriamo o creiamo una situazione che non riflette chi siamo, o cosa desideriamo da questa situazione, e ci allontaniamo da noi stessi.
In parole povere:

Evento indesiderato → Sentimenti disordinati / Mente → Reazione non produttiva → Situazione dannosa


Lascia che ti faccia un esempio.

Non molto tempo fa mi è capitata una cosa simile. Questo è stato il concatenarsi degli eventi:


Contrattempo/Problema→ 
Ho dovuto cambiare due volte aereo prima della mia destinazione in Canada. Ho viaggiato da Roma ad Amsterdam, da Amsterdam a Toronto, e quindi da Toronto a Edmonton.
Arrivata a Toronto mi hanno detto che i miei bagagli erano rimasti bloccati ad Amsterdam e che sarebbero stati consegnati a Edmonton dopo due giorni.


Sensazione di scombussolamento/Mente→  Reazione inutile
Ho pianto.
Era un attimo oltre - un momento in cui sentivo di non avere più alcun controllo. Sembrava che ci fosse una parte di me che piangeva, e ci fosse un’altra parte di me che era scioccata dalla mia reazione, ma ancor più fuori controllo.
Ho passato la dogana senza valigie, e stavo piagnucolando davanti all’agente della dogana come una bimbetta. Riuscivo a percepire quanto fosse ridicolo, ma non riuscivo a tornare a un comportamento normale.

Questa reazione indesiderabile ha portato un’altra reazione indesiderabile.
Ho deciso di aver bisogno di fumare una sigaretta per calmarmi. Di solito mi preparo le sigarette da sola, con tabacco biologico, che in America viene spesso scambiato per marijuana. Mentre mi stavo preparando la sigaretta, piangendo, con  brividi e agitazione addosso, ho visto un uomo che si stava preparando una canna proprio a fianco a me e sono andata di nuovo nel panico. 

Ora, pausa. Analizziamo questo.
Se fossi stata come al solito, calma, non fuori di me per le valigie in ritardo, mi sarei allontanata tranquillamente, o mi sarei ricordata che la marijuana in Canada è legale. Invece, sono entrata ancora di più in una crisi di panico ed ho creato ancor più confusione e sabotaggio nella mia testa, che non era affatto utile nella mia situazione.

La mia mente era già arrivata alla peggior conclusione: “Oddio, ora mi arresteranno, e senza bagagli o altre cose!”


Situazione dannosa→ 
Ora, capiamoci, non c’era una ma ben due situazioni sgradevoli (una di queste creata dall’altra) che mi avevano messa fuori gioco, e non ero più in me.

In questo stato mentale, sono entrata e ho controllato il monitor per Edmonton. L’imbarco era molto più lontano di quanto pensassi, e continuavano a mandare gli annunci “Ultima chiamata! Ultima chiamata!” che ha aggravato ancor più la mia frenesia. Appena sono arrivata - sudata per la corsa - l’impiegato controlla il mio biglietto e mi dice “Questo non è il suo volo”. 
“Cosa?! Non è il mio volo?!” Esclamo io.
Così ho guardato di nuovo bene il mio biglietto, ed ero su un altro volo. Stessa destinazione. Stesso orario. Compagnie aeree diverse. Ecco la mia situazione “dannosa”. 
Ho pensato che non c’era modo di salire su quel volo, e non ce n’erano altri per la mia destinazione. Nella mia testa, nel panico, ripetevo - Oh no, oh no, e adesso?!-


Soluzione→
Dopo aver ripetuto queste parole, stavo per entrare DI NUOVO in reazione. E lì mi sono messa a ridere. Perché ho realizzato che non era da me pensare in quel modo. Due pensieri negativi di “tutto nero” di seguito (e un altro in arrivo) sono una prova inequivocabile: Questa non sono io.

Ho realizzato che invece di allontanarmi sempre più da me con ogni evento accumulato, avevo bisogno di riconnettermi con me stessa.

Ho detto a voce alta: “Ferma! Questa non sono io. Non è in linea con chi sono e cosa voglio. Voglio cambiarlo, adesso. Universo, puoi mostrarmi qualcosa di magico?”
Ah! Finalmente ha iniziato ad aprirsi uno spazio. Potevo addirittura vedere meglio, e ho riguardato il monitor. E mi sono resa conto che l’imbarco si trovava proprio dove mi trovavo quando ho cominciato a correre dall’altra parte per perdere il volo sbagliato.

Questo mi ha fatto ridere di nuovo. L’Universo era dalla mia parte per tutto il tempo, ma io ero così presa dalla perdita dei miei bagagli e dalla paura della marijuana, così disconnessa da me stessa, che non ero riuscita a vedere che la mano che voleva aiutarmi era proprio davanti a me.

Ho rincorso il can per l’aia alla ricerca di quello che era già davanti a me. Vi è mai successo?

A quel punto sapevo che ce l’avrei fatta. Anche se avessi dovuto trasmigrare, connettermi con gli elementali. Mi ero riconnessa a me e da quello spazio ogni cosa era possibile. Non avrei potuto sbagliare.

Quindi, che sia una meditazione o un respiro profondo, una risata, una passeggiata nella natura o un poc & pod, fai quello che è necessario, qualsiasi cosa funzioni per te.
Ma assicurati di essere connesso con te, prima di iniziare a interagire con gli altri e creare reazioni.
Ti risparmierà un sacco di conflitti e angosce e aprirà infinite possibilità.